muesli

La primavera per gli anziani

Ci sono quelli che si accorgono della primavera non dalle giornate che si allungano né dagli uccellini che volteggiano nel cielo. Stiamo parlando dei quasi 5 milioni di anziani che vivono il ritorno della bella stagione con sentimenti tutt’altro che entusiastici. Oltre alle allergie (primaverili e non), le persone con alle spalle “tante primavere” sono, insieme ai bambini, i più fragili nel dover far fronte al cambio di stagione. Male alle ossa, alle articolazioni, abbassamento delle difese immunitarie, colpi d’aria, tosse, mal di gola, capogiri e tanti altri piccoli/grandi problemi. Ma anche stanchezza, depressione e ansia.

Per gli anziani i consigli sono sempre gli stessi: prima di tutto chiedere sempre aiuto ed opinione al proprio medico. Poi, considerata l’esperienza alle spalle, fare di se stessi il “miglior consigliere” per la propria salute.
Infine, per rinforzarsi e affrontare con una marcia in più la primavera, è utile annotarsi questi piccoli suggerimenti.
In particolare mangiar sano, cercare di fare un po’ di attività fisica regolarmente, smettere di fumare e non esagerare nel consumo di alcol.

Per prima cosa è bene vincere la pigrizia e, favoriti dalla primavera ormai alle porte, trovare ogni occasione per muoversi un po’: camminare appena è possibile, andare in bicicletta, non usare l’automobile per brevi spostamenti, svolgere semplici attività manuali come i lavori domestici e il giardinaggio.

E’ fondamentale mangiare ogni giorno frutta e verdura e cereali, aumentare il consumo di pesce e di legumi (piselli, fagioli, lenticchie) e ridurre il consumo di carne rossa, sostituendola con carni bianche (pollo, coniglio), di salumi, formaggi e uova.
Una condizione che si verifica spesso nella terza età è la solitudine, che porta ad un peggioramento dello stato di benessere psico-fisico e quindi dello stile di vita.

Perciò, bisogna cercare di uscire più spesso, meglio se all’aria aperta. Ed ecco che la primavera ci viene in soccorso. L’ideale sarebbe uscire in compagnia, rivedendo i vecchi amici magari un po’ trascurati da quando si è andati in pensione. Infine, molto utile è trovare nuovi interessi.
Insomma, i precetti da seguire non sono molti e, a prescindere dall’età che si riuscirà a raggiungere, chi li mette in pratica di sicuro aiuta se stesso e sta anche meglio con gli altri.

Scrivi un commento