kiwi

Mangiare sano vuol dire mangiare cibi stagionali

I cibi di febbraio

Frutta tanta frutta, soprattutto frutta! Anche se il meteo quest’anno non ha di certo aiutato le colture fra gelo e siccità, a febbraio bisogna fare “il pieno” di arance che non solo fanno bene ma allontanano i sintomi del raffreddamento. Se poi le arance iniziano ad “uscirvi dalle orecchie”, potete affidarvi a mandarini e clementine. Ma se avete bisogno di vitamine, i kiwi forse sono il prodotto che può fare davvero al caso vostro. Potassio, Fosforo, Magnesio, Vitamina C, Calcio, Ferro e fibre ecco il patrimonio di questo gustosissimo frutto.
I dietologi e i nutrizionisti li consigliano perché sono ricchi di acqua e proteine e danno un basso apporto calorico: solo 40 calorie per 100 gr di frutto. Ottimi per le diete, i kiwi diventano eccezionali nella prevenzione delle anemie e per contrastare gli effetti dei radicali liberi.

Altri frutti di stagione sono le mele oppure i pompelmi: ricchi di fibre, flavonoidi, vitamine A, B, C e pectine. Hanno la buccia gialla anche loro ma mangiarli è forse più fastidioso. Stiamo parlando dei limoni. Addentarli non è da tutti ma possono essere utilizzati per delle deliziose insalate, mentre le scorzette possono essere grattugiate e mangiate, a patto che il frutto sia biologico. Bere succo di limone poi serve ad abbassare il livello del colesterolo, allevia i sintomi del mal di gola e aiuta a digerire i grassi. I benefici dell’agrume giallo vi regaleranno un motivo in più per sorridere… A tal proposito, strofinare uno spicchio di limone sui denti, una volta alla settimana, li rende più bianchi. Quindi non avete più scuse per non sorridere!

Tra le verdure del mese di febbraio troviamo bietole, carciofi, carote, cavoli e cavolfiori, cicoria, cipolle, indivia riccia, lattuga invernale e spinaci. Proprio gli spinaci ci offrono uno spunto di riflessione interessante e utile: hanno un basso contenuto di calorie, sono ricchi di minerali e fanno bene al cuore e al pancreas. Ricordatevi di comprarli solo se sono freschi e con le foglie verdi.
A fine febbraio poi è possibile raccogliere le foglie del tarassaco, ottime da consumare crude.
Al bancone del pesce, febbraio è il mese ideale per sogliola e spigola.

Scrivi un commento